contattaci

Oltre le regole

06/07/2011

Stasera ho un maledetto mal di testa. Uno di quelli che ti tormentano di continuo e che aumentano di intensità fino a darti la sensazione del vomito.

Non ho voglia di mettermi al computer e decido di sdraiarmi sul divano cercando qualcosa in Tv che, essendo banale come quasi tutta la programmazione estiva delle varie reti, mi dia il pretesto per andarmene a letto.

Su un canale satellitare sta iniziando un film… vediamo se mi prende… un’occhiatina alla trama… mmm… promette bene.

….

….

Grande. Uno di quei film che mi piacciono enormemente. Uno di quei film durante il quale metto le cuffie per poter gustarlo appieno. Uno di quei film che mia moglie non può fare a meno di chiedermi “È bello?” e io rispondo “Bellissimo, ma a te non piacerebbe…” (i gusti cinematografici di mia moglie sono molto diversi dai miei).

Il film in questione è Oltre le regole – The messenger. Mio Dio, quanta intensità, quanta umanità, quanta emozione…

Un film che ti cattura subito e temi che, inevitabilmente, l’intensità, dopo un buon inizio, sia destinata a calare. Qui, niente affatto. Bello dal primo all’ultimo fotogramma.

È la storia di due soldati incaricati di informare i congiunti dei caduti in guerra e con il tempo imparano a fronteggiare le diverse reazioni dei parenti delle vittime, cercando di rimanere il più distaccati possibile.

Vorrei parlare molto di questo film, ma il mal di testa si è fatto insopportabile. Dico solo che mi è piaciuto, tra le altre cose, perché la protagonista non è affatto la bella di turno, i dialoghi sono di rara bellezza (stupendo il racconto del tentato suicidio verso la fine del film) e, nonostante non sia un film di azione, ti blocca lì davanti fino ai titoli di coda.

Tra l’altro, titoli di coda che informano che uno degli autori della sceneggiatura è un certo Alessandro Camon. Dovete sapere che il cognome Camon, qui nella zona in cui abito, è molto comune. Un famoso Camon, ad esempio, è Ferdinando, autore di libri di successo tra i quali Il quinto stato (bellissimo), Un altare per la madre e vari saggi e romanzi di buon successo. Questo Alessandro, invece, ho scoperto essere padovano di origine ma trapiantato negli Stati Uniti dove lavora proprio per il cinema.

Bene: un motivo in più per apprezzare questo stupendo film che consiglio vivamente a chi desidera forti emozioni da una storia molto ben realizzata.

Dicono che per gustare in pieno certe cose è importante essere predisposti per farlo. Io credo, invece, che se una cosa ha un valore effettivo, questo non può non essere riconosciuto. Prova ne è che, a causa di questo maledetto mal di testa, rivelatosi poi come uno dei peggiori degli ultimi anni, non posso dire di essere stato nelle condizioni migliori per guardare un film. Ma Oltre le regole – The messenger ha saputo conquistarmi al di là di ogni predisposizione alla visione.

Tutto qua…

(per la cronaca: ho iniziato questo scritto ieri sera, dopo aver visto il film, ma non ce l’ho fatta a finire a causa del dolore. L’ho finito questa mattina perché ho voluto, in ogni caso, trasmettere la mia emozione grazie a questo bel film)

Un cordiale saluto

Franco


#emozioni #film #storia #styledesign

Iscriviti alla newsletter e ricevi uno sconto di 10€* oltre a offerte e promozioni pensate per premiare i nostri clienti più fedeli.

*valido su un acquisto minimo di 250€

Ho letto e accetto le condizioni relative alla privacy e richiedo l'iscrizione alla newsletter.

Puoi annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento nel piè di pagina delle nostre e-mail. Per informazioni sulle nostre pratiche sulla privacy, visitare il nostro sito Web.

Uno sconto per te!