contattaci

Il giorno della memoria e della musica

27/01/2014



 

 

 

 

 

 

 

 

Oggi si è ricordato il dramma degli ebrei sterminati dal nazismo.

Il giorno della memoria. Si dice che non sono cose da relegare ad un giorno prestabilito dell'anno. Che nessuno dovrebbe cancellare e dimenticare questa orrenda cicatrice dell'umanità.

Giusto. Ma posso constatare con piacere che in questa giornata si concentrano tante e tali testimonianze che rafforzano incredibilmente la consapevolezza della vergogna perpetrata da una nazione nei confronti di un altro popolo.

Questa mattina, in auto, recandomi al lavoro, ho ascoltato alla radio un intervento di Ennio Morricone, autore, tra l'altro, delle musiche di un film per la tv, Perlasca, le cui vicende sono state legate in modo molto marcato alla repressione nazista.

Ennio Morricone è un maestro assoluto. Un genio, un artista, un maestro. Io sono letteralmente stregato dalle sue musiche. Chiudo gli occhi e volo. Volo sopra un'umanità piccola, inerme, con le sue ridicole ideologie. Oh, sì. Spesso le ideologie sono ridicole. Diventano nulla. Resta il volo sulle ali della melodia. È una caduta senza fine dentro se stessi. E il nazismo? Come ha potuto diventare un fenomeno talmente diffuso? Io credo che la causa principale sia stata l'ignoranza. Il sonno della ragione genera mostri.

Più le masse sono ignoranti (o tenute nell'ignoranza) e più i regimi hanno vita facile...

Va bene... ogni tanto, oltre che volare sulle ali della musica navigo anche sulle ali dei pensieri e passo con incredibile velocità da una cosa all'altra...

Questa sera, in auto, mentre tornavo dal lavoro, alla radio stava parlando Giovanni Allevi, talentuoso ed eclettico musicista che, ne sono sicuro, ci regalerà ancora musiche bellissime. Si parlava ancora della giornata della memoria. Una musica di Allevi è stata usata per una trasmissione sui campi di sterminio visitati dai calciatori della nazionale italiana di calcio.

La mattina Morricone, la sera Allevi. La musica. La musica che apre le porte dei sentimenti. Un filo conduttore che aiuta ad aprire le porte dell'anima.

Quando le porte dell'anima sono aperte risulta più facile comprendere.

Mi piacerebbe consigliare l'ascolto del tema di 'Nuovo Cinema Paradiso' di Morricone a tutti quelli che sostengono il negazionismo. Da ascoltare in cuffia in una stanza buia.
#emozioni #memoria #morricone #musica #stile